TORRE MAURA – ROMA e l’inedita iscrizione di Caius Mimisius Serianus

Torremaura iscrizione paleografia Casilina Roma romana archeologia mimisius

TORRE MAURA (Roma), Via Casilina, stele funebre in travertino con l’ iscrizione  inedita di C. Mimisio Seriano. Foto di Stefano Vannozzi.

La gens Mimisia o Mimesia è largamente attestata in Umbria, ad Asisium fra le più antiche della città (cfr. CIL XI, 5390, 5425-6; 5429; 5484; 5495).

Il gruppo familiare dei  Mimisii hanno dato importanti personaggi attestati da numerose iscrizioni già alla fine del II secolo a.C. fra cui sono ricordati un Postumus Mimisius o Mimesius, membro del collegio dei marones, un C. filius Sardus C. filius Rufus, Mimisius Lucius, Primigenius, Servandus.  Alcuni esponenti nel corso del I sec. a.C., sembrano essersi trasferiti a Roma o a Tivoli, dove sono comunque attestati nel campo epigrafico con un Q. Mimisius Martialis (CIL, VI 9360) e un C. Mimisius Alexander (CIL,VI 38637, Liberto). La dedica tiburtina (CIL, XIV 3598) presenta invece un senatore di rango proconsolare e legatus di Tiberio che ha lo stesso prenome del magistrato assisano, ovvero Postumus Mimisius C. f. Sardus, da considerarsi probabilmente un suo diretto e omonimo discendente.

CIL 14, 03598 = InscrIt 04,1, 112.

Post(umus) Mimisius C(ai) f(ilius) Sardus /

tr(ibunus) mil(itum) q(aestor) aed(ilis)

pl(ebis) pr(aetor) legatus / Ti(beri)

Caesaris Aug(usti) proco(n)s(ul) prae[f(ectus)] /

[fru]menti dandi ex s(enatus) c(onsulto) / [

Da porre forse in relazione con questa gens è un iscrizione latina tardo repubblicana o della prima età imperiale, incisa su una stele in travertino che delimitava un’area funeraria privata fra il V e il VI miglio dell’antica via Labicana, che recita: C. Mimisius / Serian(..) / in fr.(onte) ped. X / in agr. ped. XX

traducibile in “ Caio Mimisio Seriano in fronte piedi dieci, in agro (in profondità dal fronte stradale) piedi venti”.

E’ conservata a Torre Maura sulla via Casilina, in un giardino privato insieme a pochi altri elementi antichi (un blocco in peperino e alcuni poligoni di basalto) nella medesima proprietà dove venne rinvenuta alla fine degli anni’ 20 del secolo scorso. Per quanto mi è noto (ma potrei sbagliare) non appare in alcuna pubblicazione specialistica sul territorio e devesi quindi ritenere fino ad ora del tutto inedita. L’iscrizione, di cui ho avuto fortuita notizia da poco più di un decennio viene pertanto resa pubblica, in questa sede, per la prima volta.

Torremaura Torre Maura iscrizione paleografia iscrizione romana archeologia mimisius serianus

TORRE MAURA (Roma), Via Casilina, stele funebre in travertino tardo repubblicana o augustea, con l’ iscrizione  inedita di C. Mimisio Seriano. Foto di Stefano Vannozzi.

Sull’ argomento e in generale su questa Gens :

Sensi L., Bollo su tegola da Perusia, in «Epigrafia della produzione e della distribuzione». Actes de la VII  Rencontre franco-italienne sur l’épigraphie du monde romain (Rome, 5-6 juin 1992),Collection de l’École française de Rome, 193, Roma 1994, pp. 381-383.

Forni G., Bertinelli Angeli M. G., Scritti vari di storia, epigrafia e antichità romane, volume 2, Istituto di storia scienze ausiliarie Università di Genova, Giorgio Bretschneider Editore, Roma 1994, p. 585.

Spadoni Cerroni M.C., I bolli laterizi di Caius Mimisius di Asisium, in «Epigraphica», Rivista italiana di epigrafia,vol. 58, Fratelli Lega Editori,1996, pp. 193-195.

Matteini Chiari M. (a cura di), Raccolte comunali di Assisi: materiali archeologici, iscrizioni, sculture, pitture, elementi architettonici, Electa, Perugia, 2005.

Supplementa italica, nuova serie, vol. 23, Unione Accademica Nazionale, Edizioni Quasar, 2007, p. 255.

Cupitò C. (a cura di), Il territorio tra la via Salaria, l’Aniene, il Tevere e la via “Salaria Vetus”, Municipio II – Sovraintendenza ai beni Culturali del Comune di Roma, «L’ERMA» di Bretschneider, Roma, 2007, p. 83, ISBN 88-8265-425-7.

Heikki Solin, Die griechischen Personennamen in Rom: ein Namenbuch, CIL Auctarium, Series nova, Parte 1, Walter de Gruyter GmbH & Co., Berlino, 2003, p. 193, ISBN 3-11-015244-4.

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Agro Romano, Archeologia, Cultura, Epigrafia, Paesaggio e Beni Culturali, Roma, Romanistica, Scoperte, Storia e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...