CAMPOBASSO E LA SUA ZECCA, di Memmo Cagiati. Le monete dei Monforte.

CAMPOBASSO, Tornese di Nicola I di Monforte

CAMPOBASSO, Tornese di Nicola I di Monforte del 1422.

Per la felicità dei singoli cittadini, degli storici, dei collezionisti (una volta si chiamavano “raccoglitori”) della numismatica medioevale in Molise, presento un articolo di Memmo Cagiati dal titolo Campobasso e la sua Zecca, pubblicato nel giugno del 1914 sulle pagine della “Rassegna d’arte degli Abruzzi e del Molise : diretta da Vincenzo Balzano“,  una rivista dalla vita molto breve ma altrettanto vivace, ideata e voluta appunto da Vincenzo Eugenio Balzano (Castel di Sangro, 18.07.1866 – Roma, 29.11.1951) magistrato italiano, storico dell’arte e studioso della storia d’Abruzzo e Molise. Alla realizzazione del trimestrale collaborarono diversi intellettuali, architetti, storici dell’arte e fotografi del calibro di Guglielmo Aurini, Bernard Berenson, Mario Chini, Ignazio Carlo Gavini, Giovan Battista Manieri, Antonio Muñoz, Alfredo Trombetta, Memmo Cangiati e  Francesco Verlengia (poi  fondatore nel 1948 della Rivista Abruzzese). La sede dell’associazione e della redazione della rivista era a Roma in  Via degli Scipioni 235 nel XXII Rione Prati. La “Rassegna”, stampata dalla Tipografia Nazionale di G. Bertero e C., uscì con il primo numero nel marzo del 1912, chiudendo la sua breve esistenza, durata solo quattro anni, nel dicembre del 1915. Nei suoi numeri, stampati in un piccolo formato di cm. 24×16 troviamo diversi scritti e foto sul Molise, e i suoi monumenti fra cui segnaliamo quello dell’Aurini, dal titolo L’Architettura medioevale nel Molise, in «Rassegna d’Arte degli Abruzzi e del Molise», I (1912), pp. 15 – 20. Molte foto sono opera del maestro campobassano Alfredo Trombetta che si cimenta con due attenti articoli nei panni dello scrittore e dello storico locale. E’ il caso dei , Monumenti di Riccia. Il Castello e la chiesa di S. Maria delle Grazie, uscito nel numero di, settembre-dicembre 1913, (pp. 71-77) o ancora di quello su L’arte romanica nel Molise. Ferrazzano e la sua chiesa, pubblicato nel terzo numero del 1914 (pp. 81-90), a cui alle pagine 117-122 fa seguito l’intervento del Muñoz, su Le miniature del Cronicon Vulturnense.

CAMPOBASSO zecca numismatica moneta monforte molise Cagiati ICAMPOBASSO zecca numismatica moneta monforte molise Cagiati IICAMPOBASSO zecca numismatica moneta monforte molise Cagiati III
CAMPOBASSO zecca numismatica moneta monforte molise Cagiati IVCAMPOBASSO zecca numismatica moneta monforte molise Cagiati VCAMPOBASSO zecca numismatica moneta monforte molise Cagiati VICAMPOBASSO zecca numismatica moneta monforte molise Cagiati CAMPOBASSO zecca numismatica moneta monforte molise Cagiati VII

Bibliografia minima di  base sulle monete molisane dei Monforte:

Di Palma P., Moneta inedita di Campobasso, Tipografia Della Regia Università, Napoli, 1893.

Cagiati M., Campobasso e la sua Zecca, in «Rassegna d’Arte degli Abruzzi e del Molise», Anno III, fasc. II. Roma, giugno 1914, pp. 41 – 46.

Priori D., Lo stemma e le monete dei Monforte, in «Bollettino del Circolo Numismatico Napoletano», XXXIX, Napoli, gen-dic. 1954, pp.15-23.

Ruotolo G., Osservazioni per l’attribuzione dei denari-tornesi di Campobasso al conte Nicola II di Monforte Gambatesa, in  «Bollettino del Circolo Numismatico Napoletano», LXII-LXIII, Napoli, 1982, pp. 31-62).

Ruotolo G., Le Zecche di Campobasso e Sansevero ( 1461-1463) , Le monete del Conte Nicola II di Monforte, Spinelli & Palladino,Termoli, 1997.

Pagano M., Palladino G.,Una nuova moneta di Nicola II (Cola) di Campobasso coniata nella Zecca di Limosano (CB), in «Rivista storica del Sannio», XXV, 3 serie, a. XIII, Napoli, 2006, pp. 107-112.

Pagano M., Palladino G., Scoperto un unicum di Nicola II Monforte. Limosano, una nuova zecca italiana, in «Cronaca Numismatica», 196, anno XIX, Editoriale Olimpia, maggio 2007, pp. 34 – 37.

D’Andrea A., Andreani C., Bozza F., Le monete del Molise, prefazione di Mario Pagano, Edizioni D’Andrea, Mosciano Sant’Angelo (TE), giugno 2008, pp. 115 – 204.

Pagano M., Inedite monete del conte di Campobasso Nicola II Monforte e di Giacomo di Montagano, in «Molise medievale: archeologia e arte», All’insegna del giglio, Borgo San Lorenzo, Firenze 2010, pp. 31-34.

Gabriele P., Quando a Termoli si batteva moneta e cronologia delle monete medievali Molisane,in «Panorama Numismatico», Rivista online di numismatica, medaglistica e cartamoneta, 263, giugno, 2011., pp. 41 – 48.

Per maggiore informazione:

http://www.ilportaledelsud.org/bcnn1954a.pdf                      http://www.treccani.it/enciclopedia/cola-di-monforte_(Dizionario-Biografico)/ http://www.panorama-numismatico.com/wp-content/uploads/zecca-di-termoli.pdf http://www.panorama-numismatico.com/zecca-di-termoli-cronologia-delle-monete-medievali-molisane/

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Aragonesi, Araldica, Archeologia, Archivistica, biografie, Collezionismo, Cultura, curiosità, Molise, Numismatica, PAESAGGIO E CONTESTO STORICO, Regno di Napoli, Sannio, Scoperte e dintorni, Storia, Toponomastica e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a CAMPOBASSO E LA SUA ZECCA, di Memmo Cagiati. Le monete dei Monforte.

  1. paolo giordano ha detto:

    Stefano Vannozzi continua indomito a fornire notizie, informazioni, materiale prezioso e raro. Desiderio di conoscenza ed altruismo nel condividere con i lettori le sue scoperte… questi i suoi punti di forza.
    Da attento ricercatore e studioso, con la sua visione a 360 gradi che spazia nel tempo, non resta mai imprigionato negli angusti, attuali, confini delle 20 regioni italiane.
    Questo, apparentemente brevissimo, articolo è un autentico trattato sia sull’argomento in sé che sulle attività intellettuali di un’epoca lontana, ma di sicuro molto più cerebralmente viva.
    La rara rivista che Stefano, di fatto, rende disponibile a tutti, oltre che fornire dettagliate informazioni su una vicenda non secondaria nel panorama del XV secolo, evidenzia come il Molise non fosse ritenuta, dagli studiosi di inizio novecento, una terra desolata, povera e priva di storia e cultura… una terra che non meritava di essere trattata come oggi lo è!
    Un piccolo ed insignificante aneddoto… tanto per essere concretamente ed indegnamente “partecipi” .
    E’ proprio grazie alla trascrizione di Vincenzo Balzano (raccolta dal Gasdia) che è stata trasmessa ai posteri una lapide Osca posta nell’oramai scomparsa chiesa di Sant’Angelo a Campobasso (poi trasformata in osteria).
    Che altro dire, insomma, se non “semplicemente” GRAZIE?

    Paolo Giordano
    CAMPOBASSO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...