IL MOLISE FRA MONARCHIA E REPUBBLICA …nelle tracce murali del passato

Tessera

Tessera del Partito Monarchico Popolare del 1958 (copertina esterna).

Nei miei giri ho sempre l’abitudine di portare una macchinetta digitale e fotografare talvolta graffiti o scritte murali di vario genere,curiose, commerciali o politiche. Fra queste ultime quelle di matrice monarchica devo dire che sono ormai fra le più rare da rintracciare, visto l’incalzare non solo del tempo, ma e soprattutto della brutta abitudine di ripulire le facciate dei caseggiati storici togliendo ogni traccia del passato. Fra questi slogan elettorali d’altri tempi ne ho ritrovato due, fotografati nel 2004, il primo con una doppia scritta (ripetitiva) a  mano tracciata con vernice bianca sotto le finestre di una casa nel centro storico di Bojano (CB) in una traversa parallela a Corso Umberto I, che dubito sia ancora in loco, con la dicitura : “W il Re / chi onora la Repubblica / disonora la famiglia”. Il secondo a pennello con la scritta “W LA MONARCHIA” tagliata dall’apertura moderna di una finestra. Anche a Campobasso, fino a un decennio fa ancora ricca di scritte d’epoca, fasciste, americane, polacche e dei partiti del primissimo secondo dopoguerra, rintracciai alcuni esemplari murali del Partito Monarchico Popolare (PMP), fondato il 2 giugno 1954, per iniziativa di Achille Lauro, in seguito ad una scissione all’interno del Partito Nazionale Monarchico (PNM). L’esemplare che presento, ancora esistente nel capoluogo molisano al civico 31 di Corso Umberto I presenta una figurazione in negativo realizzata con una mascherina raffigurante una corona reale con il nodo savoia.

BOIANO campobasso monarchia repubblica storia savoia sannio beni culturali

BOIANO Molise cultura storia monarchia repubblica scritta murale

BOIANO monarchia savoia monarchici storia molise beni culturali scritta murale

CAMPOBASSO Monarchia partito popolare monarchico beni culturali scritta murale

CAMPOBASSO monarchia monarchici PMP savoia Lauro beni culturali graffito murale

Partiti Monarchici (voce, tratta da http://www.sapere.it/enciclopedia/mon%C3%A0rchico.html)

“Partiti che sostengono la superiorità della forma monarchica dello Stato e ne difendono l’istituzione. Nella storia dell’Italia risorgimentale e postrisorgimentale, non esistettero partiti monarchici nel senso moderno del termine (cioè come forze politiche organizzate e differenziate rispetto alle altre forze), in quanto tutti i partiti rappresentati in Parlamento si professavano formalmente monarchici. Solo dopo il crollo del fascismo e la liberazione dell’Italia centrale, le forze monarchiche costituirono il Partito Democratico Italiano (1944) attraverso cui cercarono di impedire che venisse indetto il referendum istituzionale, paventando, come in effetti avvenne, l’abolizione della monarchia screditata da un ventennio di compromessi con la dittatura. In seguito alla sconfitta del 2 giugno 1946, i monarchici vennero riorganizzati da A. Covelli nel Partito Nazionale Monarchico (PNM; 1947) e parteciparono alle elezioni politiche, ma con scarsi consensi (2,8%). Per tutta la legislatura rimasero all’opposizione, ponendosi all’estrema destra dello schieramento parlamentare con un programma socialmente conservatore e nazionalista. Alle elezioni del 1953 il PNM ottenne un discreto successo: con il 6,9% dei voti, raccolti in massima parte nel Meridione, ebbe 40 deputati e 14 senatori eletti. Fu questo rafforzamento parlamentare che rese possibile l’inserimento del PNM nell’area governativa (gabinetto Pella, agosto 1953-gennaio 1954; gabinetto Zoli, maggio 1957-giugno 1958). Però già dal 1954 il gruppo napoletano, guidato dall’armatore A. Lauro, defezionò dal partito e fondò il Partito Monarchico Popolare (PMP). Alle elezioni del 1958 i due partiti concorrenti persero complessivamente più di un terzo dei voti. A simile arretramento i monarchici pensarono di porre rimedio riunendo nel 1959 i due partiti nel Partito Democratico Italiano, dal 1961 Partito Democratico Italiano di Unità Monarchica (PDIUM), alla cui segreteria fu preposto A. Covelli. Ormai il fenomeno di disaffezione elettorale era diventato irreversibile e nelle elezioni politiche del 1963 il PDIUM ottenne l’1,7% dei voti e in quelle del 1968 l’1,3%. Si giunse così al dissolvimento del PDIUM, deciso nell’autunno del 1971, quando questo confluì col Movimento sociale Italiano nel MSI-Destra Nazionale. Ad alimentare il sentimento monarchico è rimasta operante l’Unione Monarchica Italiana (UMI) la cui principale attività è quella di propugnare il superamento della norma costituzionale che impedisce l’ingresso in Italia degli eredi maschi della dinastia dei Savoia”.

Per maggiore informazione:

http://www.lindipendenza.com/monarchia-repubblica/

http://it.wikipedia.org/wiki/Partito_Monarchico_Popolare

http://ambrosioe.altervista.org/__monarchia_o_repubblica_.html

http://www.treccani.it/enciclopedia/tag/partito-monarchico-popolare/

http://italiaiocisono.com/2013/02/23/tutti-alle-urne-era-il-2-giugno-1946/ http://archiviostorico.blogspot.it/2009/04/dalla-monarchia-all-repubblica.html

http://storia.camera.it/gruppi/partito-monarchico-popolare-pmp-25-10-1956-11-06-1958

http://giuseppemerlino.wordpress.com/2011/06/02/referendum-2-giugno-1946-aveva-vinto-la-monarchia/

http://www.rivistaaic.it/articolorivista/forme-costituzionali-della-storia-unitaria-monarchia-e-repubblica

http://www.monarchici.org/index.php?option=com_content&task=view&id=119&Itemid=1

http://camera.archivioluce.com/camera-storico/percorsi/esito/i_tempi_della_politica/00044/Monarchia-o-Repubblica.html

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Architettura, Cultura, Disegni e illustrazioni, Fascismo, Fotografia, II Guerra Mondiale, Memoriae, Molise, Paesaggio e Beni Culturali, PAESAGGIO E CONTESTO STORICO, Sannio, Storia e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...