LE “FIGURINE” LIEBIG, fra storia e collezionismo

Il Barone Justus von Liebig (1803 -1873) inventore del “dado” di carne. Francobollo Tedesco da 30 Pfennig realizzato in ricorrenza del 150° anniversario della nascita.

Nel 1850 il chimico tedesco Justus von Liebig (1803 – 1873) già docente all’università di Monaco, sperimentò un processo che permetteva la concentrazione della carne in un cubetto facilmente conservabile e pronto all’uso se sciolto nell’acqua bollente. Nel 1865 fonda la compagnia Liebig che produce e commercializza l’estratto di carne (una sua invenzione) come alternativa economica e nutriente alla carne.
da allora il “liebig” ebbe un ruolo decisivo nell’evoluzione dei sistemi nutritivi, diventando il sinonimo dell’estratto di carne usato per insaporire qualunque fondo di cottura di preparazione rapida.
Al marchio Liebig, ceduto dal suo inventore a un’industria francese, è anche legata una tappa innovativa nel mondo della pubblicità alimentare e in seguito del collezionismo. Infatti, nel 1872, per lanciare il “dado” sul mercato, fu creata apposita campagna promozionale basata sulla diffusione di piccole stampe o figurine riguardanti scene di vita con protagonista l’estratto di carne e abbinate alla vendita del prodotto. L’iniziativa, che ebbe un successo eccezionale come dimostrato dalle successive stampe di ben milleottocento serie diverse, riguardante tutti gli aspetti della vita umana, la storia, i monumenti, le scienze e le arti. L’idea fu talmente innovativa da essere copiata per lanciare altri prodotti, avviando così un fenomeno di costume e di collezionismo durato fino al secondo dopoguerra e oggi tornato nuovamente alla ribalta.

In quel periodo in Francia si diffonde la “moda” di reclamizzare i prodotti dando in omaggio ai propri acquirenti figurine realizzate con la tecnica cromolitografica com’era già avvenuto per i piccoli calendari profumati distribuiti dai barbieri ai clienti.

In poco tempo le figurine Liebig diventano un vero e proprio oggetto del desiderio per molti, con la realizzazione di appositi raccoglitori e album. La prima serie, stampata in Francia, è costituita da sedici figurine di grande formato, raffiguranti la fabbrica dell’estratto di carne sita a Frai Bentos.

Per oltre cento anni fino al 1976, le figurine suscitarono l’interesse del pubblico diventando oggetto di scambio, ricerca e soprattutto collezionismo raggiungendo (per i pezzi più rari) quotazioni anche considerevoli.

La prima serie Liebig stampata in lingua italiana è stata la n° 65 (numerazione catalogo Sanguinetti) datata al 1878. A questa prima emissione ne sono seguite moltissime altre sino ad arrivare alla quota di 1311 serie stampate interamente nella nostra lingua. Per il Lazio segnaliamo un gruppo di figurine ancora acquistabili a cifre modeste quali la serie dei castelli e monumenti, e quella sui costumi laziali con vedute della campagna romana, stampate negli anni ’50 del secolo scorso. Fra queste è una in cui è raffigurato il tempio  c.d. di Giunone gabina sulla via Prenestina Nuova. Nel 1934 è fondata la Compagnia Italiana Liebig che si occuperà lei stessa di stampare le serie di figurine Liebig edite in italiano. Il tutto procede fino al 1974, anno la produzione di figurine cessa definitivamente. In anni recenti la Società Agnesi che ora gestisce il marchio Liebig fa rinascere le famose figurine: su ogni confezione di dadi per brodo è riprodotta una figurina appartenente a una delle nuove serie. Si riprende così una tradizione iniziata oltre un secolo fa con le nuove linee dedicate ai Dinosauri, Sport, Zodiaco, alla Storia della Comunicazione e all’avvento dell’Euro.

Per maggiore informazione o per saperne di più:

http://www.liebig.it/         http://www.filateliasanguinetti.it/figurine-liebig http://www.figurineliebig.it/ http://it.wikipedia.org/wiki/Figurine_Liebig     http://www.globnet.it/collezionismo/liebig.htm  http://verdi.passioneperlacultura.it/vita/liebig_intro/ http://digilander.libero.it/trombealvento/pimmagini/liebig.htm http://www.cartamania.it/liebig/figurine_liebig__liebig_chromo.htm

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Agro Romano, Cartofilia, Collezionismo, Cultura, Disegni e illustrazioni, Storia e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...